MIC | Mobility In Chain

eventomic-221

Il 3 dicembre a Milano Spazio FMG di FMG Fabbrica Marmi e Graniti, la galleria a cura di Luca Molinari che si pone come luogo di incontro, confronto ma anche di ricerca e promozione per il mondo del progetto, interrompe il consueto ciclo di mostre per una serata diversa, di incontro e di festa, che tiene a battesimo MIC | Mobility In Chain. Una nuova realtà del panorama milanese con una mission importante: poter migliorare e contribuire alla qualità dello sviluppo urbano sostenibile.

MIC | Mobility In Chain è uno studio di giovani che hanno deciso di mettere a frutto le esperienze maturate nell’ambito della pianificazione dei trasporti e della progettazione di infrastrutture. Parole chiave: qualità urbana e mobilità sostenibile. Un sogno? Non sembra, visto che  l’approccio innovativo che caratterizza MIC | Mobility In Chain ha consentito, nonostante la sua recente nascita, di lavorare già con Zaha Hadid, Foster+Partners and KPF, ma anche di interloquire efficacemente con il mercato italiano fornendo consulenza a developers come Pirelli, Citylife e Galotti.

“Basta camminare per una qualsiasi strada urbana italiana per capire l’importanza di studi professionali come il neo-nato MIC” commenta Luca Molinari nel presentare lo Studio. “Quella devastante separazione delle carriere tra ingegneria e architettura ha provocato in Italia danni incalcolabili dal punto di vista dell’impatto paesaggistico ma soprattutto nella qualità diffusa e minuta della vita di tutti i giorni. In Europa e Nord America da qualche anno si è tornati a pensare che il piano terra urbano, quello percorso quotidianamente da  migliaia di persone, macchine, biciclette e motorini, abbia bisogno di una cura progettuale e visionaria diversa, che riporti la qualità e la figura dell’uomo, il suo benessere al centro. Pensate a quanto tempo passiamo per strada, a quanti chilometri maciniamo camminando o guidando, e immaginate cosa potrebbe voler dire un sistema di trasporti, collegamenti, spazi di connessione ben pensati, progettati e realizzati nell’ambito del sistema urbano minuto e quindi delle grandi metropoli regionali. E’ per questo che credo che una esperienza come quella portata avanti da MIC in Italia e nel mondo sia significativa, perchè risponde ad una esigenza crescente, e perchè può coprire una domanda emergente di qualità e intelligenza diffusa nelle nostre città. Ripensare quel canale di movimenti e trasporti che è la strada contemporanea è come immaginare uno dei veri spazi collettivi, incompresi delle metropoli del futuro”.

L’appuntamento è il 3 dicembre. Con l’augurio di innescare un dialogo costruttivo anche per Milano!

Allestimento grafica e video | toolskit design in collaborazione con cecilia di gaddo e francesco di maio

www.toolskit.it

DSC_8572

DSC_8573

DSC_8579

DSC_8610

DSC_8648

DSC_8653

350DSC_8679

DSC_8695

DSC_8697

DSC_8701

DSC_8711

DSC_8714

DSC_8718

DSC_8729

DSC_8776

DSC_8818

DSC_8825

DSC_8841

DSC_8844

DSC_8853

DSC_8862

DSC_8878

DSC_8893

DSC_8916

DSC_8918

DSC_8922

DSC_8927

DSC_8931

eventoMIC 049

eventoMIC 123

eventoMIC 201