FMG and Sustainab.Italy – Energies for Italian Architecture

By | 2014-11-20T10:49:30+00:00 giugno 1st, 2008|Mostre e Seminari|0 Comments

FMG partner dell’evento Sustainab.Italy – Energies for Italian Architecture
Un video, una mostre e tanti appuntamenti.

La sfida dell’Italia sostenibile al London Festival of Architecture 2008
Londra, 20 giugno – 20 luglio 2008

Selezionati 41 progetti su 174
Recupero di insediamenti industriali, nuove aree produttive, scuole e asili, centri comunitari, parchi e spazi pubblici, residenze e uffici: la sostenibilità ambientale nel DNA di una nuova generazione di architetti italiani.

Un piccolo impianto di cogenerazione diventa sul tetto spazio di socialità, incontro e gioco; una vecchia cava nelle campagne senesi si trasforma in uno stadio; una casa su un albero nel Parco del Pollino. Sono solo tre esempi dei 41 i progetti sostenibili selezionati per rappresentare l’Italia al London Festival of Architecture 2008, la più innovativa, dinamica, poliedrica manifestazione dedicata all’architettura, intitolata FRESH!, a Londra dal 20 giugno al 20 luglio 2008.

Il progetto si chiama emblematicamente Sustainab.Italy – Energies for Italian Architecture ed è promosso e coordinato dal Ministero per i beni e le attività culturali (PARC – Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l’architettura e l’arte contemporanee, direttore Carla Di Francesco), in collaborazione con Il Ministero degli Affari Esteri (Direzione generale per la promozione e la cooperazione culturale, direttore Gherardo La Francesca) e l’Istituto italiano di cultura di Londra. E’ coordinato da Margherita Guccione (direttore Servizio architettura contemporanea PARC) ed Erminia Sciacchitano (responsabile della linea di ricerca e dell’Ufficio studi e rapporti internazionali PARC) e a cura di Luca Molinari con Alessandro D’Onofrio.

Dopo il call for paper dello scorso febbraio, sono arrivati alla PARC ben 174 progetti sul tema della sostenibilità. I curatori ne hanno selezionati 41, la maggior parte presentati da giovani architetti provenienti da tutta Italia (18 dal Nord, 15 dal Centro, 7 dal Sud).
Ben 25 dei lavori selezionati sono già stati realizzati, 7 sono in corso di realizzazione e gli altri sono in avanzato stato di progettazione o recenti vincitori di concorsi.
Le opere sono localizzate lungo tutto il Paese (17 progetti riguardano il Nord, 9 il Centro, 10 il Sud), con la felice constatazione che alcuni lavori di giovani autori italiani cominciano a essere realizzati anche all’estero (in Portogallo, in Burkina faso, a San Paolo del Brasile, a Shangai e, da New York, un progetto per Pechino),a testimonianza di come la “creatività sostenibile” tutta italiana trovi spazio anche fuori dei confini nazionali.

Spiega Carla Di Francesco: “La ricerca, avviata nel 2006, ci sta dando risultati inaspettati. La risposta dei progettisti al nostro bando ci segnala che l’attenzione all’uso sostenibile delle risorse energetiche, ambientali, naturali, sta diventando parte integrante del processo di progettazione in Italia. La ricchezza di progetti di qualità testimonia inoltre che la sensibilità e l’esperienza della progettazione italiana, che da sempre si confronta con i temi del recupero del patrimonio architettonico e dell’inserimento nel paesaggio, hanno creato un terreno favorevole per una via italiana alla sostenibilità, dove il patrimonio culturale, architettonico, il territorio, sono considerate risorse primarie ed essenziali da tutelare”.

“Il bando stesso – spiegano i curatori Luca Molinari e Alessandro D’Onofrio – sollecitava progetti di giovani architetti, preferibilmente già realizzati. Sia per il tema del festival, FRESH!, sia perché per le nuove generazioni di architetti confrontarsi con la sostenibilità ambientale non è un optional ma una necessità. Abbiamo inoltre voluto privilegiare progetti già realizzati per dare un segnale forte e operativo che in Italia l’architettura di qualità non solo si disegna, ma si fa!
Substainab.Italy, inoltre, vuole essere una risposta alle montagne di immondizia e alle discariche abusive che hanno appannato l’immagine internazionale italiana,, alle quali si contrappone la forza attiva del progetto di architettura come pratica di costruzione culturale, sociale e politica della realtà contemporanea”.

I PROGETTI SELEZIONATI

Varietà e ricchezza di temi caratterizzano tutte le proposte arrivate alla PARC: dal recupero di insediamenti industriali a nuove aree produttive, scuole e asili, centri comunitari, parchi e spazi pubblici, residenze e uffici, con committenti sia pubblici sia privati.
La selezione è suddivisa in tre grandi aree tematiche: A misura d’uomo, Frammenti attivi di paesaggio, Energie per l’ambiente.

A misura d’uomo: opere e progetti in cui l’ecologia sociale, legata al benessere di una comunità e del cittadino, diventa un tema di produzione spaziale avanzato. Ci sono asili (come quello realizzato dallo studio C+S in provincia di Treviso); centri polivalenti o il piccolo impianto di co-generazione di Bressanone, progettato dai MODUS.

Frammenti attivi di paesaggio: connubio di storia, natura e contemporaneità. Per esempio il recupero del patrimonio storico in contesti urbani o paesaggistici (come l’intervento di Elastico sulla casa del fiorista vicino Torino o il nuovo stadio del Siena nell’area adiacente la città dello studio Marazzi con Iotti e Pavarani, dove il recupero di una vecchia cava diventa l’occasione per risarcire il paesaggio).

Energie per l’ambiente: comprende varie tipologie costruttive e funzioni capaci di essere rappresentative di una nuova generazione di edifici eco-compatibili. Alcuni esempi: la Torre verde progettata da Boeri Studio a Milano, il recupero attento e discreto di un grande insediamento industriale a nuove residenze e uffici a Milano dello studio de Amicis.

Il Video Sustainab.Italy sarà presentato il 24 Giugno 2008 all’Istituto italiano di cultura a Londra (39 Belgrave Square, h.18.30). Seguirà un incontro con architetti italiani e inglesi.
Il 25 Giugno sarà invece inaugurata l’installazione-mostra Sustainab.Italy a Viabizzuno showroom (122 Great Titchfield Street, dal lunedì al venerdì, h. 10.00-18.00, fino al 20 luglio).
Seguiranno, nei giorni successivi, ulteriori incontri con architetti e addetti ai lavori.

Il London Festival of Architecture 2008 è alla sua terza edizione.
Il tema del Festival è FRESH! – fresh thinking, fresh talent, fresh approach, fresh air and fresh food.
Nell’arco di quattro settimane, si svolgeranno centinaia di eventi (mostre, performance, installazioni, incontri, dibattiti, laboratori, percorsi, concerti, letture, animazione ecc., in gran parte all’aria aperta) articolati intorno a cinque “hubs”, cinque punti nevralgici della città collegati tra loro da un battello sul Tamigi e da percorsi ciclabili.

L’installazione-mostra Sustainab.Italy è realizzata in collaborazione con Viabizzuno showroom; Partner tecnologico Euphon Communication – Gruppo Mediacontech.
L’incontro del 24 giugno e i successivi appuntamenti Sustainab.Italy sono realizzati con il contributo di FMG Fabbrica Marmi e Graniti.